Venerdì 2 Marzo ore 21
Teatro dell'Ortica
UDUDU ZA THORA

musica

 

 

Una sala operatoria d’ospedale.
Un black-out in tutta la città.
Un luminare della neurochirurgia bloccato da una porta antincendio in sala operatoria con la ginecologa del terzo piano.
Un portantino.
Una donna al terzo piano che sta per partorire mentre la sua ginecologa è bloccata da una porta antincendio.
Un portantino con un cadavere sulle spalle.
Una donna che si cura con i fiori e la sa più lunga di ciò che vuol far credere.
Un cadavere che, seppur impercettibilmente, si è mosso.
…mentre a Castellar Ponzano (Tortona) tre parole vengono tramandate di bocca in bocca in un flebile respiro a denti stretti: Ududu-za-thora
una commedia in due atti per due attori, due attrici e un non-morto
ugli studi del Prof. Claudio Ribecchi a proposito della mente umana e approvata da lui medesimo.

Sinossi
Un neurochirurgo, una ginecologa, un portantino, una donna sul punto di partorire e un cadavere si trovano rinchiusi nella sala operatoria di un ospedale durante un black-out.
Tra l’eco di antiche leggende e una riflessione su come l’odore di piedi viaggi dalle narici al cervello, saranno costretti a scoprire che tutto quello che hanno sempre creduto è ben lontano dalla verità.
Ududu-za-thora affronta, in maniera ironica e dissacrante, i temi fondamentali della filosofia della mente: da dove nasce l’autocoscienza? Che cosa è il sé? Qual è lo scopo della scienza? In cosa si differenzia l’uomo da una macchina?
Antonio Sgorbissa è docente di Robotica e Intelligenza Artificiale presso la Facoltà Politecnica dell’Università degli Studi di Genova: Ududu-za-thora nasce come una riflessione assai sgangherata per condurre il pubblico a riflettere sui paradossi dell’Io.

Prezzo del biglietto: € 12

 

Rigorosamente basata sugli studi del Prof. Claudio Ribecchi a proposito della mente umana e approvata da lui medesimo.

 

 

 

Sinossi

 

Un neurochirurgo, una ginecologa, un portantino, una donna sul punto di partorire e un cadavere si trovano rinchiusi nella sala operatoria di un ospedale durante un black-out.

 

Tra l’eco di antiche leggende e una riflessione su come l’odore di piedi viaggi dalle narici al cervello, saranno costretti a scoprire che tutto quello che hanno sempre creduto è ben lontano dalla verità.

 

Ududu-za-thora affronta, in maniera ironica e dissacrante, i temi fondamentali della filosofia della mente: da dove nasce l’autocoscienza? Che cosa è il sé? Qual è lo scopo della scienza? In cosa si differenzia l’uomo da una macchina?

 

Antonio Sgorbissa è docente di Robotica e Intelligenza Artificiale presso la Facoltà Politecnica dell’Università degli Studi di Genova: Ududu-za-thora nasce come una riflessione assai sgangherata per condurre il pubblico a riflettere sui paradossi dell’Io.

 

 

 

Prezzo del biglietto: € 12

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Newsletter

Sponsor

Banca Carige
Il Borgo
Enoteca Bruzzone
Carlook
Coop
Pasta fresca Dellepiane
Feltrinelli
IREN
Centro Estetico Sabina
Ortopedia Cigno
Amiu
Odontoiatria Corrente
Residenza Monticelli
Profumeria Estetica Femminile Ella
Panificio Pasticceria "Gianluca e Fabrizio"
Pizzeria Pizzopoli
Salumi e Formaggi "Da Tony"
Starlab Telefonia
Trattoria Agnese
Autoscuola Tacchino
Siccardi Sport
Tecnocasa
Vannucci

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, consulta la nostra pagina di privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Information